home

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!


Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni


Usa questo menù per muoverti all'interno del sito



Diffondi questo
bannerino sul tuo sito. Cliccaci sopra per vedere come fare.

Libera il Bukowski che è in te...



Add to Technorati Favorites

Add to Netvibes



Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 21

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 41

UNA BOTTIGLIA.. ..E IL MOMENTO GIUSTO PER BERLA

Racconti

Eravamo andati in spiaggia con l’auto di Rod. Le ragazze ci stavano tormentando da tempo per andare su quella stramaledetta spiaggia a far baldoria. Avevamo tutto l’occorrente per un week end all’insegna di un trambusto mentale che ci avrebbe annientato per almeno mezza settimana.
Appena arrivati depositammo i termos pieni di birre sulla sabbia e montammo la tenda nei pressi di un cespuglio. Vicino c’era un bidone dell’immondizia semivuoto.
23/05 | di | autore





Quando muoio voglio vederti in prima fila, a ridere alle lacrime

Poesie

Se lo ricorderanno tutti come un buon diavolo,
con i suoi calzoni puliti pieni di terra
per essersi chinato a scavare
assieme ai contadini.

Con le sue pastiglie, per essere lucido nel momento
in cui la pazzia furiosa lo avrebbe chiamato
così da potersi gettare nelle sue braccia
e non perdere un minuto.
24/05 | di | autore





Vittime e carnefici

Poesie

Tentacoli viscidi bucano lo schermo
e acchiappano la membrana,
risucchiando la poca materia liquefatta,
da tempo lavata.
Hanno sembianze pure, magnifiche,
ma allo stesso tempo finte.
Con sorrisi a pieni denti,
occhi persi, corpi scolpiti.
Sembrano manichini, oggetti,
plastica e poliestere sembra formarli.

03/06 | di | autore





L'Oceano di Nullità ( The Wrong Buddha )

Racconti

La scena è ambientata all'interno di un tempio buddhista.
Un monaco seduto a gambe incrociate, diverso dagli altri, con sembianze occidentali, piuttosto corpulento, sta imprecando, mentre nella sua stanza entra Tughen Glogli, altro religioso e suo assistente.

-" Tughen, che è 'sta mmerda? "
-" ... Uh?... Di che parli, maestro? "
Il monaco occidentale sbatte sul pavimento la copia di un giornale. La pagina in questione riporta a titoli cubitali la cifra "21-12- 2012" e sotto, in neretto, "La fine del mondo? ".
Murray Mc Henzie ( questo è il nome del sacerdote caucasico ), guarda furente Tughen Glogli e con un segno imperioso e calmo della mano lo invita ad accovacciarsi di fronte a lui.
05/06 | di | autore





pencilsong: n.1

Altro

lore : stai correndo?
nico: no zero, mi sto facendo un altro tatuaggio. però sto bevendo.
lore: ancora cazzo?! un altro?! tra un pò ti riconoscerò solo dal cazzo.
ma dove l'hai fatto?
nico: polpaccio lore, polpaccio.
lore: ma figa..
nico: eh lo so ma sono annoiato. e poi sono innamorato.
a proposito di amore, sai che ho sentito la croce?
lore: eh
nico: e mi ha detto che non mi faccio mai sentire
lore: eh? eh tu?
nico: le ho detto che sono un meschino
lore: ahahah
07/06 | di | autore





e sei ciò che sei

Poesie

mi trovo per caso, per caso,
su un tuo blog...
ti riconosco, sei tu..
di me non c'è traccia
ma sei tu...
e capisco, capisco quanto sia stupido credere,
crederci,
crederti..
ti riconosco,
sei tu,
m'accorgo però che non ti conosco,
che non sei quella che raccontavi,
che credevo...
piena di te e di quella vogia di te
e io, solo io,
qualcosa no qualcuno...
ehi...ho capito cosa amavi di me,
solo perché ti amavo...
...chissà poi perché...
10/06 | di | autore
| (0) | (12)





Ultima notte sulla terra

Poesie

Questi tempi odorano di latrine putride in parchi desolati,
si gioca ad improvvisare per l'amore che si è perduto,
mai più ritrovato, forse solo immaginato.

La notte ferisce,
come un bicchiere spaccato taglia le mani,
il whiskey scende nella gola e corre nelle vene gonfie di vita.

I proiettili a quattro ruote sono un pericolo che non ti aspetti,
subdolo nella finzione di essere riparo,
bare di metallo a misura d'uomo.
24/04 | di | autore





Domani

Pensieri

Penso spesso a cosa farò domani, quindi mi metto subito al lavoro.
31/03 | di | autore
| (0) | (15)





Lo scorrere del vuoto

Poesie

Strade scoscese piene di merda, sacchetti e mozziconi
Barboni agli angoli mangiano chrekers scaduti
Piccioni ovunque, sopra sotto, al fianco
Corro e sguazzo veloce tra vie sconosciute
Mi sono perso, non so dove mi trovo
Rom deformi chiedono l'elemosina sul ciglio
Mentre chi ci ha fregato
Sfoggia un nuovo completo, una cravatta stravagante
Ritrovo la via, sono in centro
Nel nulla.....
Neri enormi sorvegliano le entrate
Centurioni dei nostri tempi
Un piccione zoppo arranca su una briciola
Uomini e piccioni non sono troppo diversi
A volte vince il sentimento
A volte vince la vita
Non ce' da stupirsi, l'affanno fa da padrone
mentre mi assopisco su una scatoletta
al ritmo del metallo che corre.

01/04 | di | autore
| (0) | (19)





Riemergere dalla finzione

Pensieri

Mentre guardo paesaggi scorrere da un finestrino appannato, sento una fitta terribile al cervello, un dolore che mi rende privo di sensi per qualche attimo.
Sono qui nella nebbia piu' totale rimpiangendo molti degli errori fatti in passato, ma ormai il dado è tratto.... Non si torna indietro e non ci si dovrebbe voltare mai. io l sto facendo, sapendo che mi pentiro' anche di questo. Non importa.
Perche' importa a qualcuno delle centinaia di cadaveri che ogni giorno consumano il mio ossigeno, stupidi farlocchi senza senso e senza vita, legati al soldo e ad una scopata vecchia e senza amore. Importa a qualcuno dello schifo che tutti respiriamo in una citta' galera piena di occhi meccanici e di guardiani infami pronti a succhiare vita e tempo. Importa a qualcuno che la fame divora piu' l'anima che il corpo, anche se il secondo ne soffre di piu'.
Non importa a nessuno, ovvio. Rimane il fatto che consumiamo la nostra liberta' in nome della comodita' e del quieto vivere. Affanculo tutte le prediche del cazzo, fatte da maestri che razzolano bene e predicano male. Io voglio vivere tutto e subito. Tutto è mio e tutto lo sara' per sempre. Ho gia' sprecato forza nella sofferenza ed ora voglio avere il mio riscatto.
Cerchiamo il modo di fottere i vermi del mostro delle televisioni.Nuova vita e delirio per tutti.
01/04 | di | autore
| (0) | (23)





ecomesifaanoncapire

Poesie

facciamo solo schifo...
ecco il punto...

tutti credono di partire
da ciò che
si è...

non sapendo che
l'immagine
non è vera...

di noi non sappiamo
nulla...

e ciò che sappiamo
è falso...

facciamo solo
schifo...

ecco il punto...

è da qui che
si deve
partire...

conoscersi è
d'obbligo...
per migliorare...
09/04 | di | autore
| (0) | (14)





Withby

Racconti

Il primo dei racconti di viaggio si svolge in Canada; qua siamo arrivati dopo un certo girovagare negli States, dove abbiamo fatto tappa prima a New York e dopo a Boston, ma di questo parleremo in seguito.
Dunque l’ambientazione del primo racconto e’ sulla lunga strada che da Montreal conduce a Toronto.
Stiamo viaggiando gia’ da parecchie ore e decidiamo di fermarci per la notte in un paese che, leggendo sulla cartina, mi avrebbe dato ispirazione, cosi’ dissi.
13/04 | di | autore





Altro


"Solo un rigo di fogna
puzzolente e melmoso

e delle bambine nude che ballano
al suono della loro anima

forse a ricordarmi che sono vivo"
14/04 | di | autore
| (0) | (13)





la solitudine

Poesie

La solitudine,
quell’esperienza inutile!
Ti prende con le sue voglie
e tu a terra,
sentendo il giorno che ti accoglie
come chi non ha più forza
di dire no all’alcol
o ad un brutto sogno che continua.
Troppe parole non sono mai servite,
sono somma di un inutile contrasto;
non sono mai stato bravo a piangere,
a capire a cosa serve, anche se a volte
serve.



14/04 | di | autore
leggi tutto | (0) | (169)





Cuatrs Curvas...

Appunti di viaggio

A La Habana, a Marianao, esiste una cafeteria en moneda nacional che si chiama “Cuatros Curvas”.
E’ nell’angolo dominante di un incrocio…E’ un incrocio importante, dove passano macchine e gente.
Ha quattro strade che portano in direzioni “infinite”.
Dalla cafeteria bastano cinque minuti e vedi passare un mondo.
Davanti alla cafeteria hanno dipinto, e lo vedo da dodici anni, sempre un po’ consumato e poi rifiorito, un ritratto di J. Martì, fatto di macchie nere, come si usa per il Che, e con scritte sul 26 di luglio (Victoria de…) che dice: “Las ideas venceran” .
Lo sfondo è un muro azzurro che nasconde un magazzino.
E’ un lato delle quattro strade che fa da angolo alla strada che porta all’aeroporto…
Alla fine del muro, guardando da un tavolo del “Quatros curvas”, si vede una piccola via, la quinta, che sembra cieca, che porta dritta all’entrata, nel retro, degli impiegati del “Tropicana”.
Da lì passano i lavoratori, le lavoratrici, gli artisti come i turisti non vedono.
Il loro lavoro sarà bruciato, ogni sera, nelle luci inarrivabili di un’ora di spettacolo.
E la stessa porta dove ogni giorno giovani bellissime ragazze, opera caffèlatte di secoli di storia, figlie di schiavi, cimarrones e conquistadores, si siedono su un muretto appena fuori…
Guardano la porta, con la speranza di un provino e un sogno, magari per poi trovare un amante, forse straniero, forse italiano, magari che le sta guardando, seduto con aria vagamente travestita, con una cerveza de la calle in mano, dalla cafeteria del “Cuatros curvas”…

16/04 | di | autore
| (0) | (18)





precedente - successiva

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126

Content Management Powered by CuteNews

 

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!
Creative Commons License A cura di .:: GraficaMente.net ::. Altri siti di interesse culturale: Vinicio Capossela | Grande Fratello