home

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!


Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni


Usa questo menù per muoverti all'interno del sito



Diffondi questo
bannerino sul tuo sito. Cliccaci sopra per vedere come fare.

Libera il Bukowski che è in te...



Add to Technorati Favorites

Add to Netvibes



Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 21

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 41

The last: to Hank

Poesie

The last. To Hank

Troppe sirene
Stasera
Qui, intorno a me
Per le strade
Lontane
Da un balcone meschino.
Quelle mentali
Che sono state un sogno
Scivolano tra onde meticcie e false.
Quelle meccaniche
Di Ambulanze
Stridenti e ricolme di dolori
Che non potrò chiamare
Mai.
Ma che hanno da blaterare
E chiedere spazio
In un traffico di anime perdute
In scatole ad hoc?
Vivo solo e non farò mai in tempo
A chiamarle.
03/10 | di | autore





CITA DI MERDA

Pensieri

Quando avevo nove, dieci anni, le prime fantasie, i primi pensieri e desideri sognavo l'eta che per me sarebbe stata magica e piena di cose belle: i tredici anni, magari anche un amore.
Quando ho compiuto tredici anni sognavo le mie prime lbertà, la mia indipendenza, le uscite con le amiche, da sole ed il coprifuoco che andava sempre verso la notte più buia.
Ora a diciassette, quasi diciotto anni ho l'amore ed una certa indipendenza e sogno l'università, le conoscenze e le esperienze che farò.
Posso immaginare che quando frequenterò l'università sognerò un lavoro ed una famiglia; quando avrò tutto questo sognerò di essere una donna soddisfatta e matura.
Poi.. morirò, semplicemente e naturalmente.
E' così assurda l'esistenza umana.
L'altro giorno pensavo a chi se ne va in gro con i vestiti firmati od i capelli fuxia: pensano di essere tanto diversi e speciali rispetto al resto dell'umanità?
Immaginater l'intera umanità in una stanza dalle pareti bianchi, tutti nudi; siamo tutti uguali, in particolare nella più miserabile delle condizioni.
Il nazismo non ci ha inseganto proprio un cazzo.
C'è troppa speranza e troppo egosimo in questo mondo.
Pensate al caffè, un abitudine di una vita superflua eppure, per molti, indispensabile e per molti intendo dal muratore che tira avanti con tutta la famiglia con mille euro al mese che s'incontra al bar per qualche minuto con un partner di una società importante che manovra e gestisce miliardi di euro come mattoni e calcistruzzo.
Non vi sembra tutto così assurdo?
06/10 | di | autore
| (0) | (30)





solo pensieri

Pensieri

08/10/2008
10:20 am
scuola, ora di filosof