home

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!


Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni


Usa questo menù per muoverti all'interno del sito



Diffondi questo
bannerino sul tuo sito. Cliccaci sopra per vedere come fare.

Libera il Bukowski che è in te...



Add to Technorati Favorites

Add to Netvibes



Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 21

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 41

nuvole

Poesie

nuvole
spesse,
cupe,
buie,
cariche di malinconia
che offuscano i sogni
le speranze
gli aneliti
di un cuore innamorato...
17/01 | di | autore





Le storie che tutti dovrebbero conoscere sono balle belle e buone

Poesie

Quando la Brandinne faceva porto
Dalle parti di Nassau,
nessuno degli uomini a bordo
aveva parole per definire
lo splendore delle coste gremite
di contrabbandieri e puttane
vestiti dei loro girelli migliori.
18/01 | di | autore





Saremo tutti morti un giorno, quindi perché non portarsi avanti?

Poesie

Continueremo a mangiare pillole tutta la vita
coi corpi che gridano allegria non sentiti,
separati da noi dal sottile paravento del ridicolo
per noi che crediamo che lo sconforto
si possa curare assumendo litio,
e che un giorno ci beeremo di quelli
che per non essere volgari
chiamiamo amici.

Il carosello delle voci nella testa
del degrado che furono gli ultimi anni novanta
ci ha portato ad una follia talmente lucida
da essere scambiata per qualcosa
che un qualsiasi disco di peltro
e amore possa curare.
E noi continueremo a dirci sani
Per tutta la vita.
18/01 | di | autore





Le storie che tutti dovrebbero conoscere sono balle belle e buone

Poesie

Quando la Brandinne faceva porto
Dalle parti di Nassau,
nessuno degli uomini a bordo
aveva parole per definire
lo splendore delle coste gremite
di contrabbandieri e puttane
vestiti dei loro girelli migliori.
Io stesso spesso ricordo
come il profumo di certe essenze
di dubbio valore e provenienza
gettassero in me la certezza
che mai avrei vissuto più nulla
di simile.
12/01 | di | autore





Fotogrammi Capitolo III

Racconti

E' Stato facile trovare il locale, qui a New York il Sugar Hill Bistrò è rinomato. Jazz e dining. Ancora più facile è stato rendermi conto di saper suonare il sax. Far uscire da questo strumento un dolce suono, armonioso e sensuale, frutto della feconda unione tra il Jazz e la poesia che ho nel cuore è una formula magica e seduttrice che mi riesce abbastanza bene.
(Qualche volta mi impressiono da solo! Ma chi sono Leopardi!)
La mia Band e stana ma suoniamo tutti bene. Siamo sicuramente professionisti affiatati perché sappiamo cosa fare anche quando improvvisiamo e non c'è bisogno di spartiti musicali. Roxy una cantante bravissima, seduta sullo sgabello come Marlen Ditrich.
Non ha più vent'anni e si vede ma quella l'esperienza di tutta una vita passata sulle note del pentagramma musicale, sigarette e whisky la rendono affascinante e senza tempo.
11/01 | di | autore





Fotogrammi Capitolo II

Racconti

L'aria è fresca come in primavera il sole quando arriva a toccarti scalda delicatamente la pelle ma i fumi dello smog e del vapore che esce dalle fognature mi blocca la poesia che avrei dovuto avere in questa circostanza e mi riporta alla realtà di una città frenetica e piena di contraddizioni. Tra latro il sole che arriva qua e là è solo il risultato di un percorso periscopico della luce sui vetri dei grattacieli. Monoliti mastodontici. A guardarli in su non mi danno l'emozione che mi aspettavo, anche se l'immagino con una musica di Joe Coker. Maledetto quel settembre, ci hanno tolto tutto il gusto della fantasia.......
(e fatto buttare via tutti i filmati di archivio di Manhattan.)
11/01 | di | autore





Fotogrammi Capitolo I

Racconti


Mi vengono in mente quegli scenari da film americani.
Una grande vetrata, un attico a New York e le luci della notte che illuminano la stanza. Di solito a questo punto si sente in lontananza un flebile urlo di una sirena nell'eco della notte cosa che se la pellicola fosse in bianco e nero ci si aspetterebbe che appaia Callaghan ma ahimè gli effetti speciali hanno conquistato gli schermi e mandato in pensione l'ispettore.
Intanto il lamento si allontana e svanisce.
Potrei.....ci starebbero anche bene.....due belle gambe lunghe in collant nero e minigonna. Un primo piano stretto a salire fino al décolleté mozzafiato, ma la mia storia inizia senza fica, anche se questa aumenterebbe l'audience e farebbe felice la troupe. L'appartamento sembra vuoto, ma quando Jò carrella verso destra ci si accorge di una figura seduta sulla poltrona. Si stacca dallo sfondo solo perché la flebile luce della città illuminando la tenda crea un contrasto e si possono vedere i contorni dell'uo...
(Ma.. cazzo! quello lo conosco! sono io! Lo sapevo Jò!
Non riesco neanche a scrivere una sceneggiatura di un film che non sia io il soggetto. Sempre in mezzo come una puttana. Ma Massimo!
Il mondo va avanti anche se tu non sei sempre in primo piano!.
Continua a riprendere Jò! vediamo che succede.)
11/01 | di | autore





la bici di Tom

Racconti

Era il classico tipo che si fa notare. Non troppo alto, capelli lunghi fino alle spalle castani, occhi sgranati con pupille a spillo. Vestiva quasi sempre con indumenti di jeans. Giubbotto e pantaloni. Si, era un tipo strano. Ormai aveva passato i trenta, ed era un reduce della sua generazione, della sua compagnia.
Erano rimasti in due. Lui e un'altro. Questo pero' era piu' conciato. Continuava a fare avanti ed indietro dal carcere. Aveva il sangue sporco. Era malato di aids. Anni di vagabondaggio e di interscambi sociali-tossici gli avevano fottuto la vita. Tom almeno si era salvato dalla malattia. Lui era pulito.
11/01 | di | autore





l'ultimo giorno della mia vita

Racconti

E venne il mattino, la notte insonne, immagini di esplosioni negli occhi,una forte motivazione in me, sin da bambino fui educato a credere ciecamente in quelle pagine ingiallite dai millenni trascorsi dalla nascita del profeta, quel ballo senza fine del capo, l’andare avanti e indietro per leggere parole antiche, mi dovetti abituare a quella danza, dovetti abituarmi al coglier solo poche parole alla volta, quel movimento che ti porta fuori da te stesso, che fa sì che tu divenga spirito e parole in un turbinio inscindibile, il movimento che non fa altro che accettare con cenni del capo la verità di quelle pagine, l’unica verità che viene propinata a noi tutti, che ti riempie gli occhi e appartiene al tuo popolo soltanto.
11/01 | di | autore





la notte on viaggio, in the eccentrical green ombra

Poesie

e la notte partì per il suo viaggio eccentrico
con gli occhi sbronzi di un tizio
alla guida maniacale, verde d'ombra

12/01 | di | autore





nato morto

Altro

nato morto
triste strano
quasi umano
sono solo
nato morto
triste strano
sono umano
ormai solo
10/01 | di | autore
| (0) | (5)





il colore che non ce' piu'

Poesie

Luci folgoranti
grida spaventose
fuochi infernali che accendono la notte
mostri multiformi entrano nel sonno
non scappano e giocano con le tue paure
sei solo
sei morto
ormai stai immaginando
10/01 | di | autore





solo la luce......

Poesie

l'inesorabile cammino verso di te
la lunga strada verso i tuoi occhi
mi costringe ogni giorno a pulirmi la coscienza
dolce immagine racchiuso in un ricordo
dai capelli profumati e dai mille colori
sono ancora distratto da cosi' tanta realta'
il tuo corpo delineato da abiti particolari
da strani velluti che esaltano te
il tuo seno che esce e mi annienta
la tua anima che accerchia ogni volta
10/01 | di | autore





Solitudine

Poesie

Camminare per strada, ascoltando solo il rumore dei propri passi.

Incrociare gli sguardi degli sconosciuti
per poter dire di aver avuti contatti umani.

Prendersi un caffè al bar, solo per poter fumare una sigaretta dopo,
solo per passare il tempo.
10/01 | di | autore





Le Relazioni

Aforismi

Un uomo che tradisce la sua donna, non è abbastanza uomo.
Una donna che tradisce il suo uomo invece, bè quella lo sappiamo tutti che cos'è.
08/01 | di | autore
| (0) | (10)





precedente - successiva

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126

Content Management Powered by CuteNews

 

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!
Creative Commons License A cura di .:: GraficaMente.net ::. Altri siti di interesse culturale: Vinicio Capossela | Grande Fratello