home

# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!


Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni


Usa questo menù per muoverti all'interno del sito



Diffondi questo
bannerino sul tuo sito. Cliccaci sopra per vedere come fare.

Libera il Bukowski che è in te...



Add to Technorati Favorites

Add to Netvibes



Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 21

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 41

La donna con le ali

Poesie

SONO SEMPRE STATO TUO
PRONTO A DISTRUGGERE IL MONDO AD OGNI TUO SOSPIRO
LA TUA ANIMA ERA ENTRATA NELLA MIA
IN UN MISCUGLIO DI EMOZIONI SCONOSCIUTO
UNICO ED INDELEBILE
ORA PIANGO PERCHE' IL TRAMONTO E' ARRIVATO
NON RIESCO A COMPRENDERE IL PERCHE'
NON POSSO DIMENTICARE IL TUO SGUARDO
05/11 | di | autore





Università

Racconti

Scendo dal treno e fa freddo, e come al solito ho lasciato la sciarpa a casa.
Il vento mi graffia la faccia,mi screpola le labbra e mi fa rabbrividire.
Cammino abbastanza spedito,sguardo intento solo ad evitare collisioni con la gente.
Evitare ogni contatto.
05/11 | di | autore





fischio d'inizio

Racconti

Un rutto sapor polpetta e uno sbadiglio lacrimoso mi scappano senza rendermene conto: anche oggi ho mangiato troppo. Le prime ore della domenica pomeriggio sono sempre faticose da riempire, quel buco fra il pranzo e l'inizio delle partite che a volte ti fa venir la voglia che sia un giorno settimanale per poter tornare subito al lavoro dopo la pausa. Anche se è ancora primavera la temperatura e l'umidità indicano l'imminente arrivo dell'estate, al telegiornale dicono che sarà l'estate più torrida degli ultimi cento anni, l'ennesima notizia sull'estate torrida. Lascio gli altri sul divano ad aspettare sonnecchianti la partenza del gran premio perché sento che oggi sarà il mio giorno fortunato, scendo e salgo in macchina.
01/11 | di | autore





assenzio

Poesie

Barcolla nella stanza ripetendo con fastidioso riverbero parole annebbiate che conosco a memoria…
L’alcool scorre nelle sue vene…canali incrostati d’odio e dolore…e marcio
Vorrei morire x non vedere questa scena ogni istante della mia vita…
Vorrei morisse…ora, per piangere sopra la sua tomba…con sincero amore
Ti ringrazio per quello che hai fatto..per quello che sono…per come diventerò..
Madre hai rovinato la mia anima…
30/10 | di | autore





UNA RAGAZZA TUTTO MIELE

Poesie

Erano le 17:30 circa
Entrai nel bar
Mi avvicinai al bancone
Seduti in un angolo
ad un tavolino
vidi
Cicco e Lisa
davanti a thè e pasticcini
31/10 | di | autore





DOMANDE SENZA RISPOSTA E UNA SOLA CERTEZZA

Poesie

La vita ha il senso
Che le diamo.
C'è chi si afferma dottore
Chi maestro
Chi architetto
30/10 | di | autore





chiara è la vita

Pensieri

la vita
passano giorni, mesi, anni a cercare qualcosa
lotti, combatti, affronti gli imprevisti
e poi scopri che non te ne importa più niente
27/10 | di | autore





Una voglia improvvisa

Racconti

Ero sul treno, stavo tornando a casa. Perso nei miei pensieri, guardavo fuori dal finestrino con gli occhi vaganti in cerca di uno stimolo. La gente. Tanta gente, forse troppa. Mi sentivo una mina vagante, sono una mina vagante. Il momento adatto, solo quello bastava per farmi scoppiare.
Uno spiraglio di vento entro' nel finestrino. Gelido.
Non trovavo pace, il tormento si era impossesato di me. Riflettevo, pensavo, mi perdevo. Cercavo di capire, mi sforzavo. Non riuscivo. Forse ormai non c'era piu' niente da capire. Mi guardai intorno, senza fine.
24/10 | di | autore





Dunk, un uomo

Racconti

Dunk mi piaceva, era una persona che rispettavo e con la quale mi trovavo bene.
Per la verità non aveva un gran reputazione, era considerato un pazzo, un folle, e forse un po’ lo era, ma tutti abbiamo dei difetti ed i suoi a me non davano affatto noia, la lentezza di Mel, quella mi faceva saltare le budella, ma non il carattere di Dunk, quello a me piaceva.
Dunk ha 50 anni, è sposato ma vive da solo, dopo che lo hanno cacciato dalla casa dove abitava perché aveva il vizio di sparare per casa durante le discussioni che aveva, se uno lo faceva incazzare sparava, se tornava ubriaco sparava, se non sapeva come fare sparava; andando a casa sua si notavano tanti quadri, disordinatamente, sui muri: erano stati affissi per ogni buco che un proiettile aveva fatto sul muro, geniale!
24/10 | di | autore
leggi tutto | (0) | (147)





[CARBON COKE]

Poesie


mi sveglio
20 minuti prima dell'alba

allo specchio
scopro, di avere una forte irritazione
sulla faccia
per via di una crema
che avrebbe dovuto proteggermi dal freddo
22/10 | di | autore





ricordi

Pensieri

Neanche un pugnale infilzato nello stomaco puo' far male come certi ricordi.
Ricordi che ti distruggono dentro senza lasciare nessuna traccia.
Speravo in me stesso ma ho sbag