home
# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!


Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni


Usa questo menù per muoverti all'interno del sito



Diffondi questo
bannerino sul tuo sito. Cliccaci sopra per vedere come fare.

Libera il Bukowski che è in te...



Add to Technorati Favorites

Add to Netvibes

Post
Ricerca avanzata

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 21

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 41

Orwell e il dodici Luglio

Pensieri

zero prospettive di riuscire a terminare qualcosa di concreto
Gli occhi bruciano, c'è poca voglia di proseguire. Le dita sfiorano i tasti e formano parole banali che ti salgono dal fegato
La testa bestemmia, io non so più come risponderle… fuori è il tredici marzo(ancora per poco)… a volte prendere coscienza dei propri limiti può sanare o svenare. Il filo si tende,
il filo delle idee si tende e si spezza. Rimani solo, vuoto, atterrito, instabile, patetico, domato, destabilizzato
fatto a pezzi dalle incertezze.

Poi pensi ai traslochi, le case in cui hai vissuto e che ora strillano di nuovi affittuari, le strade deserte dei tuoi sabati sera, porzioni di paesi di merda che sembrano tenerci a mostrarti il loro degrado. Hai ventitré anni, hai ventiquattro anni
… sei già da rifondare. Mattine domenicali di diserzioni e preti che chiamano i tuoi genitori <Sono anni polari, sono anni sfigurati, anni di liti interiori, anni narcolettici...
ed io ricordo solo i seggiolini posteriori degli autobus, le corsie ospedaliere, i sottopassaggi delle stazioni
Migrare in altre solitudini e cercare di condividerle, ma il massimo che possono offrirti è il loro biglietto da visita
Scusa, dove sei? come vanno le cose? sei ancora sveglio?
Sei sveglio, sveglio, sveglio. Ti sparano via dai loro pensieri indaffarati, t'ingabbiano in un angolo, gettano la chiave
Tornano indietro ma mancano l'aggancio…
Ho un caos indefinibile dentro, tetti d'inchiostro e lune atomiche che esplodono, i parenti che mi chiedono come sono messo a esami
<<i soldi e vatti a comprare un paio di scarpe
è la prima cosa di cui avrai bisogno se vorrai fare strada nella vita. Zaino in spalle, via dal terzo millennio in rifugi nucleari
Noi abbiamo quello che fa per te: (in)stabilità coniugale, ventisettemila anime e altrettante sottoterra, lavoro all'oviesse, visite oculistiche, malattie mentali o farsi mantenere a vita dall'encefalite
Zero prospettive, l'inverno non s'arrischia a fottere anche la tua stanza. Stramazza fuori la finestra azzannato dai pipistrelli(sono loro che annunciano l'inizio della primavera biodegradabile). Il nero è uno stato mentale, la televisione e le sue pretese. I nuovi litigi, le nuove forme di comunicazione sono uno stato mentale... mi bruciano gli occhi
credo che non riuscirò mai a concretizzare quello che provo. Ora.
13/05 | scritto da | stampa | scrivi all'autore | autore





Nome:
E-mail: (optional)
Smile: smile wink wassat tongue laughing sad angry crying 



Inserisci il codice che visualizzi
Security Image



| Forget Me


Torna indietro

Content Management Powered by CuteNews

 

Creative Commons License A cura di .:: GraficaMente.net ::. Altri siti di interesse culturale: Vinicio Capossela | Grande Fratello | Saranno Scrittori