home
# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!


Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni


Usa questo menù per muoverti all'interno del sito



Diffondi questo
bannerino sul tuo sito. Cliccaci sopra per vedere come fare.

Libera il Bukowski che è in te...



Add to Technorati Favorites

Add to Netvibes

Post
Ricerca avanzata

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 21

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 41

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/inc/shows.inc.php on line 334

Senza titolo

Racconti

Era a letto. Al buio. Stava quasi per addormentarsi, quando squillò il telefono. Allungò il braccio verso il comodino.
- Pronto -, rispose con voce nasale.
- Ehi…ciao…
( La sua voce, bella, soffiata, sopraggiungeva calda dalla cornetta )
- Ciao, dove sei ?
- In giro. Ti pensavo.
- Davvero ?
- Si.
- E che pensavi ?
Un attimo di silenzio, di esitazione da parte di lui.

- Alla tua fica. Ho voglia della tua fica calda.
Lei sorrise, mordendosi le labbra.
- Ah si ?!??!
- Si…ho una voglia matta di tuffarmi con la testa tra le tue cosce e leccarti…
Rimase in silenzio, con gli occhi che scintillavano nella penombra. Respirò. Anzi, sospirò.

- Torno domani.
- Ne sono felice -, disse lei.
- Mi aspetti a casa ?
- Si, ti aspetto.
- Ora torna a dormire . E pensami.
- Ti penso. Ti penso.

Mise giù il telefono. Accese la luce. Andò in cucina e prese un bicchiere di acqua fresca. Si leccò le labbra. Sorrise pensando alla sue parole. Andò in bagno e prese uno specchio. Ritornò in camera. Si sdraiò. Alzò la camicia da notte e schiuse le gambe. Si guardò nello specchio. Si guardò tra le cosce piene, immaginando che a guardarla fossero gli occhi di lui.
Si ricordò di quando quella volta, dopo aver fatto l’amore, lui la portò in bagno con sé. La fece adagiare sul bidè e con la sua mano bellissima, la bagnò con l’acqua e con il detergente. Passava le dita sulle labbra e sulla clitoride gonfia dopo l’amore. Lei rideva. Lui continuava, la guardava negli occhi. Si avvicinò e le diede un bacio sulla bocca. Lei lo baciava e rideva. Scoppiava a ridere tra quei baci casti e molesti. Il ricordo accese il sorriso e il desiderio. Allora pensò alla sua lingua che la leccava piano. Prima dolcemente e poi furiosa, a fondo. Lenta. Veloce. Veloce e poi ancora lenta. Allontanò lo specchio. Chiuse di colpo le gambe. Porco, disse. Poi le riaprì e iniziò a sfiorarsi. A toccarsi con fervore. Si leccò due dita e le infilò nella fica calda. Per un attimo restò senza fiato. Era umida e cedevole. A penetrarla erano già state le sue parole. Quanto ti detesto, pensò.

27/12 | scritto da | stampa | scrivi all'autore | autore





Nome:
E-mail: (optional)
Smile: smile wink wassat tongue laughing sad angry crying 



Inserisci il codice che visualizzi
Security Image



| Forget Me


Torna indietro

Content Management Powered by CuteNews

 

Creative Commons License A cura di .:: GraficaMente.net ::. Altri siti di interesse culturale: Vinicio Capossela | Grande Fratello | Saranno Scrittori