home
# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!


Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni


Usa questo menù per muoverti all'interno del sito



Diffondi questo
bannerino sul tuo sito. Cliccaci sopra per vedere come fare.

Libera il Bukowski che è in te...



Add to Technorati Favorites

Add to Netvibes

Post
Ricerca avanzata

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 21

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 41

La discesa

Poesie

Se ne stava lì
seduto sul sellino della sua bicicletta rossa,
arruginita,
provata dal tempo e dai chilometri percorsi.

Se ne stava lì
fumando una Lucky Strike,
rigorosamente morbida
e puntando,
con gli occhi grandi grandi
ma semichiusi dall'ennesima sbronza,
la discesa che si stagliava
lunga lunga
di fronte ai suoi occhi
grandi grandi.


Era stata una serata divertente
tutto sommato.
Aveva ingurgitato una quantità d'alcool
da far invidia ai migliori nel campo
e come al solito si era ritrovato
a vagare
per quell'orrendo locale
provandoci con qualsiasi figura animata
che si avvicinasse al concetto di
donna.

Senza successo,
è inutile dirlo
ma per correttezza ve lo scriverò.

Quando era in quelle condizioni
le donne avevano paura di lui.
Non che fosse bello
ma nemmeno brutto.
Se la giocava,
come tutti d'altronde.

Ma quella sera sarebbe nuovamente
tornato a casa
da solo
e avrebbe stappato una birretta
e fumato almeno cinque sigarette
pensando agli insuccessi e alle stranezze della vita
e a tutte le puttanate fatte,
ai gol di Grosso e Del Piero
nella semifinale Germania-Italia
del 2006
e a quella ragazza che l'aveva fatto ammattire.

Si sarebbe masturbato
guardando qualche video amatoriale
su Youporn.
La tecnologia a volte aiuta.
I video porno amatoriali
sono sempre i migliori.

E poi sarebbe caduto
in un sonno profondo
profondo
come il pozzo di merda
in cui da anni era caduto
e dal quale non sarebbe mai uscito.

Intanto se ne stava lì
davanti a quella lunga discesa
e vide se stesso
dalla parte opposta,
giù
molto in basso.

Poggiò il piede destro sul pedale,
la mano,
la destra
sul manubrio della bici
e gridò:
"Allora, stipida discesa del cazzo
ora vengo lì
e ti prendo a calci sull'angolo,
poi ti calpesto le strisce pedonali
come si fa con gli scarafaggi
o con le formiche,
e infine ti sputo
ti sputo quel lurido asfalto che ti ritrovi".

La discesa lo guardò
e penso:
"Vieni pure,
coglione.
Sei un pazzo di merda".

Ma lui non era pazzo,
lo sarebbe diventato

prima
o
poi.
20/04 | scritto da | stampa | scrivi all'autore | autore





Nome:
E-mail: (optional)
Smile: smile wink wassat tongue laughing sad angry crying 



Inserisci il codice che visualizzi
Security Image



| Forget Me


Torna indietro

Content Management Powered by CuteNews

 

Creative Commons License A cura di .:: GraficaMente.net ::. Altri siti di interesse culturale: Vinicio Capossela | Grande Fratello | Saranno Scrittori