home
# taccuino # bibliografia # biografia # video # foto/disegni # 5 brani # links # guestbook # forum # supporta!


Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime pubblicazioni


Usa questo menù per muoverti all'interno del sito



Diffondi questo
bannerino sul tuo sito. Cliccaci sopra per vedere come fare.

Libera il Bukowski che è in te...



Add to Technorati Favorites

Add to Netvibes

Post
Ricerca avanzata

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 21

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/show_news.php on line 41

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /membri2/bukowski/cutenews/inc/shows.inc.php on line 334

sensazione di discreta inutilita (I)

Racconti


Viviamo in un mondo dove tutto inutile, dove tutti si ammazzano di fatica per un po di attenzione da parte di quei miti che da soli si sono costruiti. facciamo un'esempio, anni e anni dietro a centinaia di libri, rincorrendo un futuro lontano, che piu si avvicina e piu si allontana, fino a quando si arriva a quello che la gente chiama l'obiettivo, l'essere realizzati. e ci si rende cont di aver sbagliato tutto, pero non lo si puo amettere. ormai il danno fatto, ci si prende l'attenzione e la stima di coloro che ingenui come lo siamo stati noi, vedono in noi un mito, un obiettivo da conseguire. ma porca troia dico io, diciamoglielo che la non c' nulla.

Questo pensavo, continuamente e ogni mattina prima di alzarmi dal letto. Poi colazione con i soliti schifosi cereali dell'euro spin, caffe, e una giornata di merda davanti. No oggi non ci sarei potuto riuscire, ancora una cazzo di giornata a sentire parlare di proteine che migrano e miglioni di cazzate sulle teorie piu assurde e su progetti di ricerca inutili come le feci di cane in un prato verde, anzi peggio almeno quelle concimano.
Prima o poi faccio fottere tutto mi ripetevo, ma come potevo, sei anni per laurearmi poi tirocinio e ora che avevo un posto fisso me ne andavo. Certo 1000 euro al mese non sono tanti ma almeno potevo andare avanti. Si ma avanti dove, cioe dico io dove cazzo vogliamo arrivare, non che c' una meta e poi arrivi li e stai bene. No assolutamente.
Poi pero pensi, magari oggi va meglio. Cosi esco di casa, chiudo il cancello e vado verso la metro, fottutissima metro, sporca, lurida. Ma eccola li di fronte, strafiga come sempre, con la gonna ogni giorno piu corta, che muove il culo dicendoti "mordimi bastardo e fammi godere", con il suo solito viso da troia allora te la immagini mentre la prendi da dietro, e poi te lo prende in bocca e poi invece ti rendi conto che tanto la dara solo a chi vuole lei, e tu non sei di certo nella sua lista dei preferiti. tutte troie, tutte uguali.
Salgo in metro e sento una puzza oltre il normale, anzi oltro ogni limite, quel coso che sta seduto vicino a me, oggi peggio del solito. mi alzo e mi sposto. uno vuole parlare e mi dice:"bella giornata oggi e... il meteo dice che fara sole tutta la settimana". e io allora in quella frazione di secondo che passa prima di rispondergli penso a cosa cazzo possa avere di bello una giornata che inizia in metro con quella puzza di merda. comunque gli rispondo "si ho sentito"ovviamente non era vero. e lui dice "certo che questa metro non il massimo", "non il massimo" dico io "fa prorpio cagare". a questo punto lo vedo che un po si imbarazza, forse non gli piacciono le parolacce, comunque non dice piu nulla. arriva la mia fermata e finalmente scendo. esco dalla metro e trovo veramente il sole. be il tipo aveva ragione.
16/06 | scritto da | stampa | scrivi all'autore | autore





Nome:
E-mail: (optional)
Smile: smile wink wassat tongue laughing sad angry crying 



Inserisci il codice che visualizzi
Security Image



| Forget Me


Torna indietro

Content Management Powered by CuteNews

 

Creative Commons License A cura di .:: GraficaMente.net ::. Altri siti di interesse culturale: Vinicio Capossela | Grande Fratello | Saranno Scrittori